Palo Santo Altare

Il Palo Santo (Bursera Graveolens) è un albero mistico che cresce sulle coste del Sud America e appartiene all’amilia Bureseracea, come l’incenso, la mirra e il copale, ed è stato utilizzato nei rituali di purificazione e purificazione sin dall’antichità. immemorabile da guaritori e sciamani andini e amazzonici.

Ha così tante proprietà curative che quando gli spagnoli arrivarono nel nuovo continente nel XV secolo lo chiamarono “Santo”; Palo Santo, il bosco sacro.

Quasi tutte le culture antiche hanno utilizzato qualche tipo di incenso, dalla storia biblica dei Magi d’Oriente che offrono al bambino Dio mirra e incenso, ai babilonesi o agli egiziani che lo usano, sia come mezzo di offerta che come rimedio magico e curativo. .

Il Palo Santo è da sempre legato ai rituali sciamanici di culture diverse, non esiste cerimonia in cui il suo legno aromatico e pregiato non venga bruciato. I Lengua-Maskoy (popolazioni indigene del Paraguay, vicino a Bolivia e Argentina) credono che un falò fatto con il legno del Palo Santo impedisca agli spiriti maligni di avvicinarsi alle case. Gli attribuiscono tale proprietà per la particolare chiarezza delle fiamme che si alzano da questo legno ardente.

I Tobas, abitanti originari della regione del Chaco (Argentina), lo usano nelle loro cerimonie del fuoco chiamate Nareg.

Attualmente il suo utilizzo è comune nelle cerimonie con piante padronali come l’ayahuasca, sia in Europa che in America, poiché purifica l’ambiente ed è un ottimo depuratore energetico.

Completamente sostenibile. Nessun albero viene abbattuto nel suo processo di produzione.

35,00

L’albero del Palo Santo (Bursera graveolens)

Era anche chiamato “quebracho” dai colonizzatori spagnoli poiché la sua durezza spezzava l’ascia quando veniva tagliato, e “palo santo”, per i vari usi e proprietà magiche che scoprirono gli Inca.

L’albero di Palo Santo (Bursera graveolens) si trova in Messico, Cuba, Isole Galapagos e Perù settentrionale.

È un albero deciduo, per quanto riguarda il Perù, cresce nella parte inferiore delle pendici occidentali del nord del Perù, nei dipartimenti di Cajamarca, Lambayeque, Piura, Tumbes, da 800 a 1200 metri sul livello del mare, insieme ad altri arbusti tipici di questi ambienti. xerofite o subxerofite.

Raccolto:

Affinché il palo santo mantenga le sue proprietà e per essere utilizzato, il legno deve essere raccolto una volta che l’albero muore per cause naturali. Successivamente, deve essere lasciato in loco per almeno cinque-otto anni affinché gli oli del durame maturino a sufficienza e il legno acquisisca le sue proprietà aromatiche e medicinali. La durata della vita naturale di un albero di palo santo varia tra i 50 ei 70 anni, che in termini relativi non è molto “, spiega Jonathon Miller Weisberger, etnobotanico e autore di Rainforest Medicine: Preserving Indigenous Science and Biodiversity in the Upper Amazon

 

Struttura dell’albero del Palo santo:

Lo sviluppo della Bursera graveolens avviene in funzione della qualità del luogo e dei fattori ambientali che interagiscono tra esso e l’ambiente che lo circonda, avendo tutte le condizioni favorevoli per raggiungere altezze fino a 18 metri, con chioma di fino a 12 metri di diametro.

Si trova sempre accompagnato dalle specie hualtaco, charán, sapote, overo, vichayo, algarrobo (zone aride), e ad altitudini più elevate viene confuso con pasallo, ebano e altri.

Quando foliato ha un bel colore verde lussureggiante.

 

Tronco d’albero di Palo santo:

Può misurare fino a 80 cm di diametro. Di forma cilindrica di colore grigio, marrone e cenere, i fusti sono sempre stati osservati in modo regolare o eccezioni irregolari con disturbi, crepe e solchi.

 

Corteccia di albero di Palo santo:

La corticale esterna è liscia, con una superficie lenticellare, in quanto ha un aspetto ruvido con scanalature all’esterno, inoltre presenta sporgenze che si formano nel tempo. Quando si osserva la corteccia all’esterno, appare liscia e fessurata, presentando un colore da grigio-porpora a marrone cenere.

Quando si esegue un piccolo taglio (incisione), un liquido (resina) con un odore molto gradevole caratteristico della specie (aromatico) inizia a trasudare, penetrando, immediatamente la resina ha un colore bianco e giallastro, che aderisce alle dita, successivamente diventa giallo scuro a una tonalità brunastra trasparente.

Lungo il fusto presentano macchie grigio-viola e bianche, fino a ruvide bruno-cenere con aspetto ruvido o granuloso.

Radici dell’albero di Palo santo:

Le radici del palo santo sono ben sviluppate, si può vedere che ha la capacità di affermarsi in tutti i tipi di terreno: pietroso, roccioso, sabbioso, sciolto e leggero con limo, sabbia e argilla.

Palo santo Tree: foglie

L’albero del palo santo ha foglie composte, pennate dispari e alterne, possono avere da 3 a 4 paia di foglioline, ma possono anche raggiungere fino a 9 foglioline, il loro bordo è dentato. Le foglie sono piccole bifogliate, con un gran numero di rami primari e secondari molto flessibili e fragili.

Nel procedere allo sviluppo delle misure delle foglie degli alberi valutati, si è ottenuta una lunghezza media di 12 centimetri e una larghezza di 6 centimetri. Per quanto riguarda l’odore, le foglie tendono ad essere aromatiche caratteristiche delle altre parti dell’albero e l’incenso, inoltre, all’assaggio delle foglie, assume un sapore ferroso amaro. Per quanto riguarda la colorazione che presentano, varia da una tonalità verde scuro a verde chiaro e con il passare dei giorni assume un colore verde giallastro, dovuto al processo fisiologico e alle fasi di fioritura e fruttificazione della specie.

Palo santo Tree: fiori e fioritura

La fioritura del palo santo avviene nei mesi di maggio e giugno, fruttificando a metà giugno fino a luglio.

Inoltre, è stato osservato che a seconda della zona di vita e dei fattori ambientali e climatici sono quelli che influenzano, e questo fa sì che le date si prolunghino nei mesi indicati sia per la fioritura che per la fruttificazione.

La Bursera graveolens è una specie decidua e alla fine di luglio e all’inizio di agosto ha perso completamente il fogliame, questo influenza l’altezza della pianta, perché quando è con il fogliame è frondoso e ha un colore verde splendente. È stato possibile osservare la varietà di insetti che approfittano della fioritura, nutrendosi in modo permanente, così come le api autoctone che sfruttano il nettare per il miele.

+ Info in the Blog: