Farmacologia

Da Tepezcohuite/jurema

 

Azione psicoattiva

Sono stati usati diversi termini per descrivere sostanze che causano alterazioni nella mente umana: psicotrope, allucinogene, psicomimetiche, psichedeliche, tra molti altri.Il termine più recente e che utilizzeremo d’ora in poi perché lo riteniamo più appropriato è enteogeno (“Contenente un’entità o intelligenza”), coniato nel 1978 da un gruppo di scienziati guidati da Gordon Wasson (Mota e Barros, 2002 ).

Meccanismo di azione

La DMT, quando somministrata per via orale, viene inibita dall’azione delle monoaminossidasi (MAO), enzimi presenti nei mitocondri, che catalizzano l’eliminazione di un gruppo amminico. Affinché la DMT produca effetti psicoattivi se ingerita per via orale, è necessario ingerire anche una sostanza che contenga inibitori MAO (come le β-carboline).Solo alcuni autori hanno riferito di aver rilevato la presenza di β -carboline nella Mimosa tenuiflora (Meckes-Lozoya et al, 1990).Ott ha sottolineato nel 2002 che potrebbero esserci inibitori MAO nell’estratto di jurema preta, necessari per spiegare gli effetti osservati.Poco dopo il commento di Ott, nel 2005, un nuovo composto chiamato “Yuremamine” è stato isolato nell’estratto di Mimosa hostilis/tenuiflora; una nuova classe di fitoindolo che può spiegare l’attività orale riportata della DMT in Jurema senza l’aggiunta di un IMAO.Vepsäläinen, Jouko J.; Auriola, Seppo; Tukiainen, Mikko; Ropponen, Nina e Callaway, JC (2005)

Attività antimicrobica

I tannini sono probabilmente responsabili della maggior parte della sua attività antimicrobica (Meckes-Lozoya et al, 1990b).

Azione antinfiammatoria e cicatrizzante

Tellez e Dupoy de Guitard (1990) hanno dimostrato l’efficacia della M. tenuiflora nel trattamento topico dell’eczema (concentrazione al 10%) e contro l’infiammazione (sotto forma di polvere di corteccia essiccata) negli esseri umani.È stato dimostrato anche che è efficace nella guarigione delle ferite (Dupoy de Guitard, 1990).

Metaboliti secondari di Mimosa tenuiflora/hostilis

Alcaloidi: due alcaloidi indolici sono stati isolati nella Mimosa hostilis/tenuiflora: N, N-dimetiltriptamina (DMT) e anche 5-idrossi-triptamina (Meckes-Lozoya et al., 1990a).Nel 2005, Vepsäläinen et al. hanno isolato un nuovo fitoindolo (Yuremamine) dalla corteccia dello stelo di Mimosa tenuiflora / hostilis.Calconi: È stata riscontrata la presenza di due calconi: kukulkan A e kukulkan B (Camargo-Ricalde, 2000).Steroidi e terpenoidi: tre steroidi sono stati isolati dalla corteccia dello stelo di Mimosa hostilis/tenuiflora: (Anton et al, 1993).campesterolo-3-O-beta-D-glucopiranosilestigmasterolo-3-O-beta-D-glucopiranosilebeta-sitosterolo-3-O-beta-D-glucopiranosileSono state identificate anche tre saponine: mimonoside A, mimonoside B e mimonoside C (Anton et al, 1993).