Tepezcohuite e i Maya del Messico

I Maya conoscevano la Mimosa hostilis/tenuiflora con il nome Tepezcohuite, e la utilizzavano già più di 10 secoli fa per le sue importanti proprietà antimicrobiche, analgesiche e rigeneranti cellulari, come cura per le malattie della pelle e per la cura delle ferite.Popolarmente conosciuto come “l’albero il cui guscio si trasforma in polvere che guarisce le ferite”, il suo uso tradizionale è trasceso fino ai giorni nostri grazie alla medicina tradizionale dei Maya.Il nome Tepezcohuite deriva dalle parole nahuatl tepetl (collina) e cuahuitl (albero); “albero sulla collina”. Anche da tepuscuahuitl, “albero di ferro”, alludendo alla durezza del suo legno.

Storia moderna di Tepezcohuite in Messico

Nel 1986 ci fu un “boom” di informazioni sulle proprietà curative del Tepezcohuite. In Messico si erano verificate gravi catastrofi: l’eruzione del vulcano Chichonal in Chiapas nel 1982, l’esplosione di un impianto di gas a San Juanico, nello stato del Messico nel 1984, e i terremoti in Messico ed El Salvador nel 1985.Questi eventi hanno lasciato molte vittime con ferite e ustioni, impotenti a causa della mancanza di risorse materiali e medicinali. Fu l’ingegnere Roque León, pioniere nella ricerca e nella diffusione delle proprietà del Tepezcohuite, a far conoscere gli effetti curativi della corteccia del tronco di questo albero, una risorsa facile da trovare poiché cresceva nel suo stato nativo.Dopo essere stato utilizzato con successo nell’eruzione del vulcano Chichonal, venne utilizzato in modo massiccio nelle due catastrofi successive.Gli effetti della polvere di corteccia di Tepezcohuite sui pazienti ustionati sono stati quasi miracolosi e si è scoperto che controlla in modo molto efficace tre parametri chiave: dolore, infezione e disidratazione.Quando veniva applicata la polvere vegetale, si formava una massa che, una volta indurita, diventava una crosta che proteggeva il tessuto sottostante. Non sono state effettuate nuove applicazioni della polvere, tranne nelle zone di grande movimento come le pieghe delle articolazioni.Diverse settimane dopo, quando la crosta si staccava e le ferite venivano lavate con acqua tiepida, la nuova pelle rosa appariva quasi sempre senza retrazione, impeccabile.Sono stati avviati studi sull’attività antibiotica di estratti della corteccia di Mimosa hostilis/tenuiflora, dimostrando l’inibizione della crescita in vitro dei comuni microrganismi presenti sulla pelle e che, in caso di ustioni o ferite, costituiscono il gruppo a maggior rischio di causando infezioni.Funghi come la Candida albicans, un microrganismo opportunista resistente alla maggior parte degli antibiotici e che può causare gravi infezioni, sono sensibili agli estratti di Mimosa hostilis/tenuiflora. 

Analoghi dell’Ayahuasca in Messico

In Messico non esistono prove dell’uso ancestrale della Mimosa hostilis/tenuiflora come enteogeno, anche se ha una grande tradizione come albero medicinale. Ciononostante, esistono diverse specie autoctone che possono essere utilizzate come inibitori MAO per preparazioni di bevande psicoattive analoghe all’ayahuasca.La Passiflora Incarnata è una pianta che cresce a Veracruz, Tabasco, Chiapas e nella maggior parte degli stati a clima tropicale. In Messico è molto facile da trovare nei mercati poiché viene utilizzato come alternativa naturale alle benzodiazepine in caso di insonnia o ansia, per i suoi effetti sedativi. Passiflora Incarnata contiene flavonoidi (1,5% dei rami e delle foglie) e beta-carboline inibitori della monoaminossidasi (tra lo 0,1% e lo 0,2%).Sebbene il suo livello di beta-carboline sia molto basso, è stato dimostrato che la sua efficacia è utilizzata come inibitore MAO in preparazioni simili all’ayahuasca; Si ritiene che alcuni dei suoi flavonoidi potrebbero essere responsabili anche dell’azione inibitoria delle monoaminossidasi.Sia le concentrazioni di DMT nella Mimosa hostilis/tenuiflora che le beta-carboline nella Passiflora Incarnata possono variare considerevolmente nelle diverse aree.