Copale bianco

L’aroma del copale – l ‘”incenso della terra” – è stato per secoli un balsamo universale per purificare e potenziare l’abbondanza, poiché è considerato una sorta di medicina per l’anima e un mediatore tra due mondi – il mondo materiale e quello del spiriti.

Il copale è considerato una resina sacra ed è stato molto apprezzato e utilizzato sin dai tempi antichi, dai popoli originari dell’America, come i Maya e gli Aztechi, che lo usavano nei rituali di offerta, gratitudine, connessione, ispirazione e guarigione. I Maya considerano il copale tra le 3 cose più preziose e che servono da offrire al mondo spirituale.

Per queste società altamente spirituali, l’aroma e l’estetica del copale avvertivano di una presenza divina. In senso rituale, veniva offerto come cibo agli dei per mezzo di un bruciatore di incenso di argilla. Era guidato verso le quattro direzioni (dell’universo) e il Sole, per riposare finalmente in un braciere dove il fuoco veniva alimentato con carbone. In alcune popolazioni frammenti di resina venivano posti tra gli alimenti che componevano l’offerta.

12,00

Uso milenario del copal

En la antigüedad al copal se le daba cientos de usos; Ya sea para reverenciar a los númenes del maíz –y agradecer si se ha dado bien la cosecha–, para hacer que del cielo bajara la lluvia, para velar muertes pero también para recibir a sus muertos, en la incesante ceremonia del Fuego Nuevo –donde se loaba principalmente la permanencia de Xipe Tótec, Huitzilopochtli, Quetzalcóatl y Tezcatlipoca–, para honrar a los guerreros y valorar a los líderes, en las fiestas del calendario adivinatorio, o como un método de sanación y protección, el copalli nunca faltaba. Se sabe que, incluso, en recintos sacrosantos como lo era el Templo Mayor de Tenochtitlán, los braseros con copal se veían arder toda la noche.

+ Info in the Blog: