Copale grigio

Copal è il nome comune per la resina aromatica della Bursera, una famiglia di alberi sacri, endemica del Messico. Di solito sono visti nelle foreste decidue basse, cioè nei territori in cui la maggior parte degli alberi perde le foglie inaspettatamente per mesi. In Nahuatl, questo albero era chiamato copalquáhuitl e il suo frassino era chiamato copalli, mentre nel suo uso sacro era chiamato iztacteteo, il “dio bianco”.

Proprietà del copale:

– Pulisce e purifica le energie del luogo e delle persone che lo usano, trasmutando energie dense e negative in energie positive, fornendo un clima di relax, ispirazione e pace.

– È usato per la protezione e la guarigione.

– Aiuta ad avere uno stato positivo nella nostra quotidianità.

– Ci collega con alte e alte vibrazioni.

– Dona energia e potere personale.

– Rafforza i rituali, aiutali ad essere efficaci, porta la nostra preghiera nel mondo o campo spirituale.

8,00

Ci sono molte virtù del copale, in ogni regione dell’antica Anahuac sono state raggiunte le stesse conclusioni, è usato per lo stesso scopo, ed è persino considerato un elemento che “accende la luce interiore” dell’essere umano. La resina dei copalli è uno dei grandi doni che Madre Natura ci fa, è un elemento sacro nel pensiero degli indigeni adatto ad offrire, purificare e promuovere un dialogo tra l’essere umano e il regno divino.

In Messico e in alcuni paesi centroamericani è noto come copal (da Nahuatl, copalli, che significa resina o incenso), una serie di resine vegetali aromatiche, che vengono utilizzate come incenso o incenso.

La più comune e conosciuta è quella dagli alberi della famiglia delle Burseraceae: Bursera aloexylon, B. graveolens e B. jorullensis, sebbene sia estratta anche da alcune specie della famiglia Protium.

Bursera, secondo Rzedowski et al. (2004), è rappresentato da quasi 100 specie che si trovano in tutta la Repubblica messicana. . Tra le specie Bursera, B. bipinnata è il taxon con la più ampia distribuzione geografica in Messico: si trova dalla Sonora meridionale all’Honduras ed è assente solo dalla penisola dello Yucatan.

Bursera bipinnata, è anche conosciuta con i nomi di: copale cinese, copalo sacro, palo copale, torote bianco, copale cimarrón, copale amaro o perlato, copale bianco, copale penca o copalquáhuitl.

Questo taxon rappresenta le piante che vengono sfruttate in modo preferenziale per ottenere il copale bianco, la resina aromatica più apprezzata e di altissima qualità commerciale; ma anche gli alberi al secondo posto sono soggetti a raccolta per la resina che rilasciano naturalmente e che è nota con diversi nomi: copale di pietra, copale nero, gomma di copale.

È un albero basso, con corteccia grigiastra e molto ramificata, la sua altezza media è di 6 m, vive in luoghi scoscesi e fa parte delle popolazioni di transizione di boschi di pini e querce e foreste di latifoglie basse. Si trova in luoghi tra 800 e 1 600 m di altitudine, con un clima generalmente caldo, subumido o secco.

In questi luoghi c’è una fortissima siccità per più di quattro mesi all’anno, che fa perdere tutte le foglie agli alberi e poi con le piogge diventano verdi. La maggior parte dei copali produce fiori all’inizio della stagione delle piogge, verso la fine di maggio e l’inizio di giugno. I fiori compaiono contemporaneamente ai germogli delle foglie. La fioritura è veloce e verso la fine di giugno si vedono già frutti verdi. La maggior parte dei frutti matura tra agosto e inizio settembre. Gli stati che hanno un numero maggiore di diversi tipi di borse sono: Guerrero, Michoacán e Oaxaca.

Gli alberi di protium crescono tra le foreste tropicali sempreverdi e la loro resina, in particolare il Protium copal, secondo le prove archeologiche, non è stata registrata negli altopiani messicani, ma è stata registrata tra i Maya, come testimoniano le palle copali del Cenote. Sacro di Chichén Itzá (Montúfar et al., 2006).

 

In epoca preispanica, tra gli Aztechi, era conosciuto come copalquáhuitl: “albero copale”, e la resina da esso estratta come copalli: “incenso”. Per il suo uso religioso era noto come iztacteteo, cioè “dio bianco”, per via del colore del fumo che emanava. Bernardino de Sahagún, nella sua Storia generale delle cose della Nuova Spagna, descrive come la gomma copale fosse usata in modo rituale dagli abitanti della capitale azteca che la bruciavano come offerta ai loro dei:

«Nell’offerta dell’incenso o del copale, questi messicani, e tutti quelli della Nuova Spagna, usavano una gomma bianca che chiamano copalli – che ora è anche ampiamente usata – per incensare i loro dei. Non hanno usato l’incenso, anche se c’è in questa terra. Di questo incenso o copale i satrapi usavano nel tempio e tutte le altre persone nelle loro case […]. » Storia generale delle cose della Nuova Spagna, Libro II.

 

Processo di estrazione del copale

La resina di copale viene estratta durante la stagione delle piogge dell’anno (da luglio a ottobre) dai copaleros, agricoltori specializzati, per smaltire la resina per le festività dei defunti a novembre, che si celebra in molte case messicane.

Così, i contadini e copaleros di Jolalpan (Puebla), ad esempio, estraggono la resina di copale eseguendo tagli o graffi con una piccola lama (chiamata qui-chala), sulla corteccia dei rami più spessi degli alberi di copale. La resina che defluisce da questi tagli è diretta, attraverso una foglia di quercia, verso una foglia maguey che funge da contenitore. Questa penca pende legata a ciascuno dei rami dell’albero.

Le strisce della corteccia sono concentriche alla foglia di quercia e formano una specie di ventaglio. La distanza tra taglio e taglio non è maggiore di 0,5 cm e le strisce hanno una lunghezza media di 8 cm. È importante notare che i copaleros, per disciplina e per salvaguardia degli alberi, effettuano i tagli ogni tre giorni; al contrario, la danneggerebbero in modo significativo.

Dopo aver tracciato diverse linee e riempito lo stelo maguey, viene rimosso e sostituito con uno nuovo, e così via fino a quando la resina smette di scorrere. Man mano che il copale si deposita sul fusto, viene liberato da tutte le sue impurità, per questo viene utilizzata una piccola bacchetta con la quale vengono rimossi i resti fogliari che si sono accumulati su di esso.

Più puro e pulito è il copale bianco, maggiore è il suo valore economico, perché secondo il signor Ofelio Times è il sangue della pianta e aggiunge: “l’albero del copalito ci dà la sua ‘sangrita’, la sua vita. Dio l’ha creato per noi da fumare “. (Comunicazione personale, 20 ottobre 2004).

Da sottolineare che l’estrazione del copale bianco implica che, in numerose occasioni, i coproduttori debbano trasferirsi e recarsi in montagna con tutta la loro famiglia per almeno due mesi, per lavorare all’ottenimento.

In origine i contadini potevano ignorare la loro milpa fino alla seconda metà di agosto e solo allora uscivano per co-farm. Adesso i copaleros sono anche contadini, muratori e disoccupati che possono entrare in collina dalla seconda metà di luglio, quando la stagione è iniziata.

Immancabilmente i copaleros, soprattutto da Jolalpan, Teotlalco (Puebla) e località limitrofe, tornano dalla montagna intorno al 15 ottobre, perché il 18 di quello stesso mese, in occasione della festa di San Lucas a Tzicatlán (Puebla) , vendono direttamente il copale all’ingrosso, poiché i grossisti vengono a comprare il copale bianco e attraverso di loro la distribuzione annuale si ottiene in gran parte del Messico.

Il tipo di resina chiamato copale di pietra, nero o albero è quello che gli alberi copali cinesi trasudano naturalmente, attraverso le ferite che alcuni insetti provocano nella loro corteccia, è un aggregato di forma arrotondata e di colore brunastro o nero.

Oltre ai copali bianchi e di pietra, i copaleros recuperano la mirra, che sono frammenti di corteccia laminare, come scaglie, impregnati di resina di copale. Questo materiale è ottenuto tagliando la zona della corteccia dell’albero ferita dai graffi che sono stati fatti ai rami durante il processo di estrazione della resina.

Un altro tipo di Bursera bipinnata copale è il tecopal, una struttura piccola e arrotondata, molto compatta e di configurazione naturale, con formicaio amalgamati con resina di copale. È un prodotto particolarmente terapeutico con un valore uguale o superiore a quello del copale bianco.

Il copale e il suo significato nel passato

Secondo le informazioni di Fray Bernardino de Sahagún (2002), Fray Diego Durán (1984), Fray Toribio de Benavente o Motolinia (1995) e Hernando Alva-rado Tezozomoc (1994), in contesti rituali preispanici la resina di copale bianco sia fisicamente che sotto forma di fumo, quando posto sul fuoco.

Feste preispaniche Con il fumo del copale si onoravano le immagini divine e si favoriva il legame tra l’uomo e l’entità divina. Le figure dei loro dei venivano fumate con il copale più volte al giorno, in ogni caso i sacerdoti dirigevano il fumo aromatico verso le quattro direzioni cardinali e il sole, in un atto rituale.

Secondo i resoconti degli spagnoli al loro arrivo in Mesoamerica, l’incenso che conosciamo come copale era considerato dagli antichi messicani come un dio dotato di poteri magici e religiosi che lo rendevano un protettore. Lo chiamavano iztacteteo, che significa “dei bianchi”, a causa del fumo che produce quando brucia sulle braci ardenti.

Secondo questi stessi racconti, le persone usavano il copal molto frequentemente, almeno due volte al giorno, una al mattino e una alla sera. Era usato per offrire agli dei, per pulire i templi, durante i funerali e nelle cerimonie per chiedere i raccolti.

Copal era usato per i festeggiamenti dedicati agli dei donatori di pioggia, per venerare il numero del grano e le principali divinità del pantheon Nahua: Huitzilopochtli, Tezcatlipoca, Xiuhtecuhtli; si eseguivano rituali con offerte e copali per favorire la buona caccia, la pesca, l’estrazione di legno, resine e pietre dalle montagne, l’insediamento di piante nel giardinaggio; per onorare i guerrieri per le loro vittorie militari, ecc.

 

Si può dire che non c’è stata praticamente nessuna cerimonia importante che non fosse accompagnata dal copale.

Nei codici, libri antichissimi ricavati dalla corteccia degli alberi in epoca pre-Conquista, sono presenti disegni che raccontano episodi importanti della vita dei popoli antichi. In molte delle loro immagini si possono vedere divinità o sacerdoti che offrono copale, che hanno tenuto in uno zaino speciale.

+ Info in the Blog: