Shawadawa

Ottimo Rapé della tribù Shawadawa, con ceneri Rauti, particolarmente indicato per eliminare dolori e dipendenze.

23,00

Tribù Shawadawa

Quello che segue è un testo del creatore di questo Rapé, che parla con parole sue di questa medicina e delle tradizioni del suo popolo.

“Gli Shawãdawa vivono nella parte superiore del fiume Jurua, su quattro terre indigene delimitate. Oggi, l'obiettivo principale del popolo Shawã è proteggere le nostre terre, la nostra foresta dove sono presenti tutte le nostre medicine naturali. Cerchiamo anche di salvare la nostra cultura, gli insegnamenti dei nostri antenati. L'uso delle nostre medicine sacre ci porta questo studio della guarigione e dei nostri antichi insegnamenti.

Siamo della radice linguistica Pano, come Yawanawa, Poyanawa, Kaxinawa, Jaminawa, Deadawa, Kuntanawa e molte altre famiglie. Shawã significa Arara, Ara e Dawa è una famiglia, quindi noi siamo la famiglia dell'ara.

L'uso di Rupusuty, come chiamiamo Rapé nella nostra lingua e tradizione, ha un significato molto importante per gli Shawãdawa, è lo studio delle piante medicinali che danno forza per rafforzare lo spirito e la forza per curare le malattie materiali. Per essere un guerriero nella foresta è necessario conoscere le medicine e i loro poteri, fare diete tradizionali con le piante”.

L'Arara / Shawadawa

Come gli altri gruppi indigeni di Acri, gli Arara Shawãdawa subirono gli effetti delle incursioni e del sistema produttivo delle piantagioni di caucciù degli ultimi decenni del XIX secolo, essendo stati sfruttati, espropriati e limitati nella loro riproduzione fisica e culturale. Negli ultimi anni sono stati coinvolti nell'invertire questo processo, riconvalidando la loro lingua e le loro tradizioni, oltre a reclamare i loro diritti territoriali dallo stato brasiliano.

La designazione Arara è stata attribuita al gruppo durante il contatto quando è iniziata la prima esplorazione dell'Alto Juruá nel XIX secolo. Gli Arara si chiamavano Shawadawa.

Il contatto con gli agenti del fronte di espansione della gomma ha influito sul rapporto del gruppo con la propria lingua madre. Oggi sono pochi i parlanti madrelingua, perché storicamente discriminati quando parlavano la propria lingua, hanno smesso di trasmetterla ai loro discendenti, creando una generazione più giovane istruita solo in portoghese. Tuttavia, dall'inizio degli anni '90, gli Arara hanno cercato di "salvare" la propria lingua.

 

Territorio

La regione attualmente occupata dagli Arara era stata territorio dei gruppi Pano e Aruak sin dal periodo pre-Cabral.

Alla fine degli anni 1890, Alta Jurua era abitata da brasiliani, quando i "caucheiros" peruviani o raccoglitori di gomma e altri prodotti forestali occuparono la regione per un breve periodo.

Oggi gli anziani sono i "custodi della memoria degli Shawadawa" e cercano di trasmetterla il più possibile ai loro discendenti. Si nota l'interesse dei più piccoli nell'apprendere i miti e i rituali che gli Shawadawa praticavano intensamente in passato. Oggi i rituali sono praticati senza regolarità, il che non significa che siano assenti. Sono i più anziani, che ancora padroneggiano la lingua, che cantano e insegnano ai più piccoli durante il rito.

 

Ayahuasca

Il rituale sinbu (liana/ayahuasca) è ancora praticato da alcuni degli Arara, e la maggior parte del gruppo ha partecipato all'uno o all'altro di questi rituali.

Dagli anni '90, alcuni Arara hanno adottato la dottrina del Santo Daime, che aveva una forte presenza nella città di Cruzeiro do Sul. Oggi, tra gli Arara ci sono due modi di usare l'ayahuasca nei rituali, uno tradizionale, che include la guarigione sessioni, e l'altro, dai seguaci del Santo Daime.

 

Kambo

Un altro rituale caratteristico dei gruppi Pano, ora praticato dagli Arara, è quello di recuperare la fortuna del cacciatore. Quando il cacciatore non è fortunato, gli Arara preparano il rituale del kambo per recuperare le qualità essenziali del cacciatore: mira, vista, udito e fortuna.

Il giorno successivo, il cacciatore sarà pronto a continuare le sue attività di caccia con molta più abilità ed efficienza.

Gli Arara attribuiscono alcune proprietà medicinali al kambo, e il suo uso non si limita alla convinzione del gruppo nella sua capacità di ripristinare le abilità del cacciatore.

Shawadawa Rapé

Apri la chat
Ciao 👋 Possiamo aiutarti?