Tribù degli Arhuaca del cacao, Colombia

Cacao cerimoniale, puro grezzo biologico al 100%, prodotto artigianalmente dalla tribù Arhuaco, seguendo il metodo ancestrale.

Il cacao coltivato dagli Arhuacos è classificato come uno dei migliori al mondo per sapore, aroma, ottima qualità e caratteristiche uniche.

La tribù Arhuaca della Sierra Nevada in Colombia coltiva il cacao nelle sue terre ancestrali, come fa da secoli. Secondo loro il cacao è la bevanda dei genitori divini. Fa parte della cultura Arhuaca, le cui famiglie trasmettono di generazione in generazione la conoscenza e gli insegnamenti dei loro antenati.

Le fave di cacao vengono raccolte a mano. Successivamente vengono lasciati fermentare, processo di trasformazione in cui i chicchi sviluppano il caratteristico aroma e sapore di cioccolato. Successivamente i chicchi vengono essiccati al sole.

Ricetta: Per preparare la bevanda cerimoniale, aggiungere un’oncia di cacao a quattro once d’acqua e mescolare bene. Puoi aggiungere un po ‘di miele. Questo cacao può essere utilizzato anche per preparare cioccolata calda, frullati o cioccolata non zuccherata.

Tipo: Granulare

Origine: tribù Arhuaca, Colombia

Ingredienti: 100% cacao puro di grado cerimoniale

Presentazione: Barretta al Cacao.

Peso netto: 450 Gr.

Conservazione: conservare in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce solare diretta.

62,00

Tribù degli Arhuaca

Gli Arhuaco si chiamano “Iku”, che significa “popolo” nella lingua Ika. Sono originari della Sierra Nevada de Santa Marta, sulla costa caraibica della Colombia, e discendenti della cultura precolombiana Tairona.

Sono uno dei popoli nativi più conosciuti della Colombia e rappresentano l’1,59% della popolazione indigena colombiana.

La tribù Arhuaco è radicata principalmente nelle montagne della Sierra Nevada de Santa Marta e, in misura minore, nei bacini dei fiumi Don Diego, Mingueo e Guatapurí (Valledupar, Mamatoco).

Orientano la loro vita e la loro quotidianità basandosi sulla spiritualità, sul rispetto per i loro dei che hanno creato l’universo e sulla solidarietà con i membri della comunità e dei paesi vicini, concependo il territorio in cui vivono come un insieme in cui vivono esseri viventi sia dal mondi materiali e spirituali.

Le donne Arhuaca trascorrono il loro tempo libero filando cotone e lana per i loro abiti, e torcendo la fibra del maguey (Agave in Nahuatl, la lingua degli Aztechi) per i loro zaini.

Amano e rispettano i loro simili, considerando come tali, oltre agli esseri umani, anche gli animali, le piante e gli esseri inanimati.

Chiamano il leone, re della giungla, guiaj’ina, che significa “fratello di tutti”. Non sono cacciatori e non frustano né trasportano mai pesantemente i loro buoi e cavalli.

Gli Arhuacos portano sempre foglie tostate di Háyu (pianta di coca) nello zaino di lana; Quando si incontrano, il loro tradizionale saluto consiste nello scambiarsi una manciata di queste foglie.

Ambíra è il Mapacho che gli Arhuacos utilizzano sotto forma di estratto. Lo preparano cuocendo le foglie di Mapacho a fuoco molto basso, ottenendo una sostanza densa e di colore scuro.

Le donne arhuaco non assumono coca né ambíra, il loro uso è riservato agli uomini adulti.

Gli altri tre popoli nativi che vivono nella Sierra Nevada insieme agli Arhuaca sono i Kogui, i Wiwa e i Kankuamo.

Il popolo Ika o Arhuaco vive nei bacini superiori dei fiumi Aracataca, Fundación e Ariguaní, sul versante occidentale della Sierra Nevada de Santa Marta.

La Sierra Nevada de Santa Marta è una catena montuosa della Colombia che costituisce di per sé un sistema isolato della catena montuosa delle Ande, sulla costa caraibica della Colombia, che si eleva bruscamente dalle coste del Mar dei Caraibi per raggiungere cime che rimangono innevate per tutto il anno, con un’altezza massima di 5.775 metri, essendo la montagna più alta del mondo in riva al mare.

Apri la chat
Ciao 👋 Possiamo aiutarti?